Profilo

Antonio Musarra (1983), laureato in Storia presso l’Università degli Studi di Genova (2007) e in Scienze Religiose presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Genova (2012), diplomato in Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Genova (2012), ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze Storiche presso l’Università degli Studi di San Marino (2012) con una tesi sulla partecipazione genovese al movimento crociato e sui rapporti politici, economici e culturali tra Genova e la Terrasanta nel XIII secolo. Ahmanson Fellow 2016-2017 presso Villa I Tatti (Harvard University), assegnista di ricerca presso il Dipartimento di eccellenza SAGAS (Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo) dell’Università degli Studi di Firenze (2017-2018), docente a contratto di Paleografia latina presso il Dipartimento di storia, scienze dell’uomo e della formazione dell’Università degli Studi di Sassari (2017-2018), ha all’attivo un’ampia partecipazione a convegni nazionali e internazionali, nel corso dei quali ha presentato i risultati delle proprie ricerche, incentrate sulla storia politico-istituzionale, socio-economica e culturale del medioevo genovese (con particolare riguardo all’espansione mediterranea), sulla storia della crociata e della partecipazione italiana al movimento crociato, sulla storia della navigazione e della guerra navale nel Mediterraneo medievale e sulla storia del viaggio e del pellegrinaggio in età medievale.

Il 27 marzo 2018 ha ottenuto l’abilitazione alle funzioni di professore di II fascia. Settore concorsuale 11/A1 – Storia medievale (art. 16, comma 1, Legge 240/10).

Tra le sue pubblicazioni: Genova e il mare nel Medioevo, Bologna, il Mulino, 2015; In partibus Ultramaris. Genova, la crociata e la Terrasanta, secc. XII-XIII, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 2017; Acri 1291. La caduta degli stati crociati, Bologna, il Mulino, 2017; 1284. La battaglia della Meloria, Roma-Bari, Laterza, 2018; Il crepuscolo della crociata. L’Occidente e la perdita della Terrasanta, Bologna, il Mulino, 2018.

On Academia.edu